Articoli in questa sezione

Note Rilascio 2.0.0.0

Data del rilascio: 13 Luglio 2022

Ambiti Aggiornamento


 

Condizioni di Pagamento

Indicazione di pagamento Tracciato -Non tracciato

Inserimento Fatture Passive

Reverse charge interno/ Autofattura

Import da file excel

Ciclo Attivo/Ciclo Passivo (vedere Manuale Ciclo Attivo - Ciclo Passivo)

 


Condizioni di pagamento


Condizioni di pagamento non è un dato obbligatorio ma se utilizzato permette in modo automatico di determinare il frazionamento dell’importo per scadenze. Nel menu a sinistra è stata aggiunta nella voce Anagrafica: Condizioni di Pagamento

mceclip0.png

Cliccare su Condizioni di pagamento

  1. Cliccare su +Aggiungi
    • Codice sarà valorizzato in automatico in fase di salvataggio
    • Descrizione (ad esempio 30-60-90 gg fine mese)
    • Operatore di calcolo
      • Rata / per dividere in rate (ad esempio 3 rate)
      • Rata % per dividere le scadenze in base alla % (ad esempio, 1°rata30%, 2°rata70%)

  2. Cliccare su piu.png
    • Indicare i giorni della scadenza
    • Indicare se la scadenza ricade a fine mese
    • Indicare la modalità di pagamento
    • Confermare
    • Ripetere lo stesso flusso per il numero di rate che si intende inserire
  3. Condizioni di pagamento nella fatturazione attiva
    In fase di creazione Fattura attiva per ottenere le scadenze ed i relativi importi in automatico si potrà:
    • In fase di compilazione di una fattura, nella sezione scadenze, indicare una condizione di pagamento previo caricamento della stessa, dalla sezione Anagrafiche, dal menu laterale
    • oppure, indicare una condizione di pagamento nell’anagrafica cliente o fornitore, previo caricamento della stessa dalla sezione Anagrafiche, dal menu laterale. In questa ipotesi, in fase di caricamento di una fattura le scadenze saranno compilate in automatico
    • si ricorda che se non indicate le condizioni di pagamento, si potranno indicare manualmente le scadenze con la procedura finora utilizzata

 


Indicazione di pagamento tracciato - non tracciato


  • All’interno del Template (Fatturazione attiva e Passiva), cliccando su Salva ed Incassa, l’indicazione del conto è stato sostituito da Pagamento Tracciato- Non tracciato.
  • Stessa cosa quando si clicca su Incassa o Registra Pagamento dalla dashboard.
  • Tale modifica permetterà in un rilascio futuro di avere un report con i pagamenti tracciati e non tracciati

Inserimento Fatture Passive


E' possibile inserire una fattura passiva non transitata attraverso SDI (Fatture estere o UE) per un utilizzo completo dello scadenzario e per la creazione di Autofattura/Reverse charge in automatico partendo da un documento cartaceo

Dal menu laterale Documenti ➔ Fatture Passive cliccare su creafattura.png

fattura.png

Sarà possibile:

  • Inserire un fornitore presente nell’anagrafica Fornitore
  • Il cessionario committente farà riferimento ai dati dell’azienda che fattura
  • Il tipo di template che si potrà utilizzare sarà solo Fattura di vendita
  • Si potrà Salvare, Aggiungere il bollo, Salvare ed incassare ed Annullare
  • Tutte le altre funzionalità della Fattura attiva non saranno disponibili
  • Il numero documento sarà un campo alfanumerico libero da vincoli con un massimo di 20 caratteri
  • Dalla dashboard delle fatture sarà possibile
    • modificare
    • avere una stampa del PDF dettagliato
    • scaricare xml
    • visualizzare xml secondo standard Agenzia dell’Entrate
    • visualizzare Allegati
    • registrare il pagamento
    • eliminare
      menu.png

 


Clona per Reverse Charge/Autofatture


Per la compilazione della fattura si rimanda alle Linee Guida dell’Agenzia delle entrate

Dalla dashboard delle fatture, dai 3 puntini sarà visibile la scelta: Clona per Reverse Charge nel caso in cui vengano rispettate le seguenti condizioni:

  • solo per fatture passive con TD01-02-04-05-24-25
  • non deve esserci il blocco 2.1.1.5 "Dati ritenuta"

Quando clicco su Clona linee fatture per reverse charge:

  1. mi fa selezionare quale codice iva utilizzare per le aliquote a 0”
    blobid0.png
  2. Quando verrà creata la fattura i clienti devono integrare con tipo documento e data anche se il programma in base a delle condizioni prestabilite suggerisce:
    • TD17 se il riferimento normativo utilizzato nella compilazione della fattura passiva è:
      • Servizi art 7 ter DPR 633/72
      • Servizi art 7 ter DPR 633/72 UE
      • Art 7 ter DPR 633/72 extra UE
      • Servizi art 7 quater DPR 633/72 UE
      • Art 7 quater DPR 633/72 extra UE
      • Servizi art 7 quinques DPR 633/72 UE
      • Art 7 quinques DPR 633/72 extra UE
    • TD18 se il riferimento normativo è non imponibile art 41 DL 331/93
    • TD19 se il riferimento normativo è
      • Cessione di beni art 7 bis, dpr 633/72 UE
      • Cessione di beni art 7 bis, dpr 633/72 extra UE
    • TD16 e data SDI della Fattura passiva se esiste almeno una natura all’interno della fattura passiva che vada da N6.1 a N6.9 (questa casistica riguarda sia le fatture caricate a mano che quelle transitate attraverso il SDI)
  3. In aggiungi dettaglio, sezione AutoFattura, verrà inserito in automatico il Fornitore che risulterà il cedente/prestatore della Fattura.
    In questa occasione si è aggiunto l’elenco dei fornitori oltre quello dei clienti. In fase di clonazione se non fosse presente tra i clienti l’anagrafica della propria azienda, sarà creata in automatico dal sistema con codice destinatario: T04ZHR3
  4. Per TD17-TD18-TD19 il programma crea in automatico dei blocchi in cui suggerisce dei dati che vanno modificati dall’utente, all’occorrenza
    • un blocco 2.1.6 Fatture collegate con l’elemento 2.1.6.2 “IDdocumento” valorizzato con IDSI fattura passiva originale (se non c’è inserisce il numero documento della fattura passiva)
    • 1.6.3 Data con data documento fattura passiva originale modificabile da aggiungi dettaglio.
  5. Per TD16 il programma crea in automatico dei blocchi in cui suggerisce dei dati che vanno modificati all’occorrenza:
    • un blocco 2.1.6 Fatture collegate con l’elemento 2.1.6.2 “IDdocumento” con IDSI fattura passiva originale (se non c’è inserisce il numero documento fattura passiva)
    • 2.1.6.3 Data con data documento fattura passiva originale modificabile da aggiungi dettaglio

N:B.In fase di clonazione per reverse charge-Autofattura, i dati devono essere sempre controllati e modificati se necessario. Il programma suggerisce dei dati ma che vanno controllati e modificati all’occorrenza.

 

 


Associazione sezionale a Tipo Documento


Nei dati azienda, in alto a destra, pallino giallo con le iniziali dell’utente, nelle costanti nel blocco Tipo documento/Numero di Fattura è stata aggiunta una voce: Tipo documento associato al sezionale

blobid1.png

Cliccando su tale voce sarà possibile associare un tipo documento al sezionale. In questo modo:

  • selezionando, in fase di compilazione Fattura il Tipo Documento verrà richiamato il sezionale in automatico e viceversa
  • in fase di clonazione per Reverse/Autofattura, se associati TD-16, TD17, TD18, TD19, il sezionale sarà riportato in automatico

 


Reverse Charge/Autofatture da Fatturazione attiva


  1. Indicare il tipo documento
  2. In fase di compilazione Fattura, andare sulla scelta in alto Aggiungi dettaglio

    blobid2.png
  3. Sezione Autofattura, indicare dall’elenco dei Clienti o Fornitori il cedente prestatore effettivo (esempio ne caso di reverse charge per fattura europea, occorre indicare come cedente prestatore il fornitore europeo).
  4. Sempre in Aggiungi dettaglio andare nella sezione Documenti  Fatture ➔ collegate ed inserire i dati della fattura originale secondo quanto previsto
Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 0 su 0